EDILIZIA ANTISISMICA

Gli edifici in acciaio hanno mostrato il miglior comportamento strutturale in presenza di terremoti di elevata intensità. Questo quanto emerge dagli studi statistici su larga scala in aree fortemente sismiche come Giappone, Cile o California. Anche in Italia gli edifici in acciaio, realizzati quasi prevalentemente in ambito produttivo e commerciale, non hanno subito danni strutturali a seguito dei terremoti del 2009 a L’Aquila e del 2012 in Emilia Romagna e Lombardia, dimostrando la capacità di ben resistere ai terremoti.
L’efficienza di fronte alle azioni sismiche e le potenzialità in termini di affidabilità offerte dalla carpenteria metallica sono ormai comprovate e risiedono in diversi fattori:
– elevatissima duttilità dell’acciaio che consente di dissipare grande energia, sia attraverso l’impiego di opportuni elementi dissipativi e dettagli costruttivi, sia sfruttando le elevate riserve plastiche tipiche del materiale;
– standardizzazione della produzione mediante prefabbricazione e connessione a secco con controllo continuo del processo produttivo;
– pesi strutturali decisamente inferiori rispetto alle soluzioni costruttive con materiali tradizionali, riducendo perciò l’entità delle forze inerziali generate dal sisma sulla struttura e garantendo al contempo una più efficace capacità di dissipare l’azione sismica;
– rapidità di realizzazione, aspetto fondamentale in interventi urgenti quali quelli post-sisma;
– rapidità di smontaggio, trasportabilità e ricollocamento in altre aree;
– facile riparabilità, anche in presenza di terremoti violenti; gli unici elementi che bisogna riparare o sostituire sono quelli dissipativi;
– elevato standard qualitativo, ottenuto attraverso il controllo dei materiali impiegati;
– elevata diffusione soprattutto in quelle aree geografiche dove i terremoti risultano particolarmente intensi e dove la cultura della costruzione antisismica è ormai consolidata come Giappone e Stati Uniti;
– buon comportamento in caso di eventi sismici, comprovato dall’esperienza. I collassi globali e gli alti numeri di vittime sono per lo più associati all’uso di altri materiali;
– economicità ed alta redditività. Le strutture in acciaio sono più flessibili e leggere di altri tipi. Le forze nella struttura e nelle sue fondazioni sono pertanto minori. Ciò riduce notevolmente il costo della sovrastruttura e delle fondazioni della costruzione.

SULLA BASE DI TUTTE QUESTE ARGOMENTAZIONI SI È SCELTO PER IL PROGETTO DEI NUOVI MINISTERI DI PORT-AU-PRINCE L’IMPIEGO DI STRUTTURE IN ACCIAIO.
Scelta peraltro quasi obbligata visto che la capitale haitiana, posta in un’area altamente sismica, ha subito il 12.01.2010 la totale distruzione a causa di un terremoto di magnitudo 7.0 della scala Richter.
Gli obiettivi principali di R.I. S.p.A. e dello studio di progettazione SETI ENGINEEERING s.r.l. sono stati di conseguenza quelli di garantire ai nuovi Ministeri del BON e dell’MTPTC elevatissimi standard di sicurezza strutturale e mantenimento dei requisiti di funzionalità anche in presenza di eventi sismici di eccezionale violenza. In particolare gli edifici di Port-au-Prince sono stati progettati per resistere contro il crollo a terremoti di magnitudo 8 (quindi 32 volte più violenti del sisma che ha devastato Port-au-Prince il 12.01.2010, e ben 1000 volte più violenti di quello che ha raso al suolo Amatrice (I) il 24.08.2016), e per non subire significativi danni, mantenendo quindi la totale funzionalità, per terremoti aventi magnitudo fino a 6.5÷7.0 della scala Richter.
Ciò è stato possibile attraverso la ferrea applicazione di un diagramma di flusso a 13 fasi, a partire dall’assunzione della commessa e fino al montaggio delle opere. Il rigido controllo di qualità ha permesso di ottimizzare tutti i vari processi di progettazione, realizzazione, trasporto e montaggio dei due edifici intelaiati in acciaio, il tutto in accordo con quanto previsto dagli Eurocodici EC8-EC3.

CASERMA DEI CARABINIERI

MODUS NG

Un nuovo ed innovativo concetto di unità abitative, design raffinato ed elegante, domotizzato, energetico. Una proposta (soluzione) abitativa di pregio per una clientela particolarmente esigente e moderna Modus NG ha ricevuto il primo premio nella categoria “Green building” oltre al premio “Best show – Green building” in occasione della convention internazionale World of Modular 2017 tenutasi a Tucson – Arizona (Usa) nel marzo 2017 e organizzata dal MODULAR BUILDING INSTITUTE.

IL MINISTERO DELL’ORDINATORE NAZIONALE HAITI